Casal Monastero: intervento di Ama - Terzo Binario News

Gli addetti aziendali di zona, con l’ausilio dei mezzi a disposizione, profondono il massimo impegno nel garantire le attività di igiene urbana, inclusa la raccolta dedicata dei rifiuti “porta a porta”, anche nel quartiere di Casal Monastero, così come nel resto dei quadranti cittadini. Lo comunica AMA S.p.A. in una not a di sabato 21 novembre.

“Gli operatori in servizio nell’area hanno effettuato il prelievo dei materiali cartacei, che fa seguito a quello delle altre tipologie di rifiuti (indifferenziato, scarti alimentari e organici, contenitori in plastica e alluminio), già effettuato nei giorni scorsi. Le attività di raccolta dei rifiuti sono svolte nel rispetto degli aspetti organizzativi e comportamentali derivanti dagli Ordini di Servizio aziendali emanati per l’emergenza da Covid-19”.

“Purtroppo, da sopralluoghi effettuati, i nostri tecnici territoriali hanno notato in alcune aree, come in via San Giovanni Reatino, che i bidoncini per le varie tipologie di rifiuto non vengono custoditi nelle pertinenze condominiali, come stabilito e concordato, ma vengono lasciati all’esterno, su suolo pubblico. In questo caso, possono diventare ricettacolo di rifiuti non differenziati. L’invito è dunque a rispettare le modalità di custodia dei contenitori assegnati. La Municipalizzata capitolina per l’Ambiente, da parte sua, continuerà ad assicurare il massimo sforzo per garantire i migliori standard qualitativi di servizio nell’esclusivo interesse delle esigenze dei residenti”. 

Il 19 novembre alcuni cittadini di Casal Monastero, in una lettera, avevano scritto: “Da oltre un mese i cassonetti non vengono svuotati con regolarità.  Il servizio non avviene con regolarità oppure non raggiunge tutte le strade del quartiere e questo genera cumuli di immondizia nei condomini, con grave rischio per gli aspetti igienico-sanitari e decoro”. E ancora: “Questo disservizio unito all’indifferenza e rabbia dei cittadini sta mettendo a serio rischio la salubrità del nostro quartiere. Ci sono pericoli di salvaguardia della salute, per la dispersione continua di rifiuti fuori dai loro contenitori”. Con un nota finale: “In assenza di soluzioni immediate e durature procederemo con un regolare esposto”.

Pubblicato domenica, 22 Novembre 2020 @ 17:57:41     © RIPRODUZIONE RISERVATA