Cerveteri, igiene urbana: Granarone diviso fra Camassa e rescissione con affidamento diretto (mentre si prepara la Caerite) - Terzo Binario News

Nodo complicato da sciogliere quello che riguarda l’igiene urbana.

Da una parte il Granarone, che ha la necessità di dare continuità al servizio nonostante il fallimento dell’Asv e l’inadempienza che potrebbe provocare la rescissione del contratto; la Camassa, fattasi avanti per rilevare il 40% dell’Ati in possesso della Asv e i sindacati, che vogliono proteggere l’occupazione.

Ogni mossa è studiata anche se lunedì ci sarà una tappa decisiva con il piano della Camassa. Se soddisferà i parametri del comune allora il contratto resterà valido fino alla scadenza fra tre anni. Altrimenti scatterà l’emergenza con l’affidamento diretto.

Per l’assessora all’ambiente Elena Gubetti questo scenario sarebbe quello peggiore . “Se invece si riuscisse ad arrivare alla scadenza – spiega la Gubetti – allora si avrebbero quei due anni di tempo per strutturare la Multiservizi Caerite così da reinternalizzare il servizio. In questo senso, la proposta di Pap la trovo condivisibile”.

Pubblicato sabato, 25 Gennaio 2020 @ 05:54:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA