Bracciano, Tellaroli porta la "grande sete" in Procura - Terzo Binario News

“Cittadini, al di là dei problemi personali vissuti, si facciano parte attiva e tutelino i propri diritti soprattutto in quei contesti in cui le Istituzioni che ci amministrano appaiono poco interessate o per nulla preoccupate di quelle che sono le loro responsabilità morali e sociali davanti ad evidenti mancanze e/o inadempienze ed eventuali danni erariali. Voglio ricordare che l’acqua è un bene pubblico e vitale come cita la risoluzione ONU del 28 luglio 2010 dichiarando per la prima volta nella storia il diritto all’acqua “un diritto umano universale e fondamentale” per tutti i cittadini e che sono assolutamente intollerabili le gravi e ripetute inadempienze susseguiti a danno dei braccianesi.

Tanto premesso, si chiede che siano effettuati i dovuti accertamenti per individuare il colpevole o i colpevoli e si sporge formale denuncia – querela nei confronti di colui il quale o coloro i quali hanno indebitamente omesso atti del proprio ufficio, gravi inadempienze ed eventuali danni erariali, e chiedo altresì, che l’Ill.mo Procuratore della Repubblica, esaminati i fatti come esposti in narrativa, eserciti l’azione penale nei confronti di tutti coloro che riterrà responsabili dei fatti succitati. Chiedo di essere sentito per fornire ulteriori elementi di prova a supporto di quanto sopra detto. Chiedo sin d’ora di essere informato, ai sensi dell’art. 408 comma 2 c.p.p. dell’eventuale richiesta di archiviazione, nonché ai sensi dell’art. 406 comma 3 c.p.p. dell’eventuale proroga delle indagini.”

Consigliere comunale di Bracciano Marco TELLAROLI

Pubblicato sabato, 29 Giugno 2019 @ 13:39:28     © RIPRODUZIONE RISERVATA