Bracciano, opposizione al vetriolo con Tondinelli sulla Paritaria di via dei Pasqualetti - Terzo Binario News

“Quest’anno Tondinelli ha voluto fare alla comunità braccianese una strana e non gradita strenna di Natale: portare avanti la procedura della cosiddetta statalizzazione per chiudere la scuola dell’Infanzia Comunale Paritaria in via dei Pasqualetti e nel frattempo con la Direttiva ,approvata nel consiglio comunale del 20/12/2019, demandare al Capo Area Antonio Bucefalo di non effettuare le iscrizioni degli alunni per l’anno scolastico 2020/2021.

In precedenza,con la Deliberazione del 07/11/2019 la Giunta comunale ha assegnato all’Istituto Comprensivo di Bracciano l’edificio e le sezioni appartenenti alla scuola dell’Infanzia Comunale.
Il Sindaco e la Giunta si sono probabilmente dimenticati di citare sia il parere negativo espresso su tale decisione dalla Dirigente dell’istituto Comprensivo di Trevignano.in data 25 novembre 2019 sia il parere, sempre negativo espresso dalla Città Metropolitana – Dipartimento III “programmazione della rete scolastica” alla richiesta del Comune di Bracciano del 29/10/19.
Successivamente il Comune ha inviato ,in data 7/11/2019, la stessa Deliberazione di Giunta all’USR Lazio ,non attenendo a tutto il 20/12/1029 nessun riscontro.
Durante il consiglio io e i due consiglieri 5 stelle abbiamo evidenziato che Il parere negativo della Dirigente dell’Istituto comprensivo di Trevignano , inviato anche al Direttore dell’USR Lazio, si basa su premesse ,rilievi e considerazioni inoppugnabili che dimostrano l’insussistenza delle motivazioni addotte dal Sindaco per l’assegnazione dell’edificio e delle sezioni della scuola dell’Infanzia Comunale all’Istituto Comprensivo do Bracciano che prelude alla chiusura della scuola dei Pasqualetti.
Tale parere non favorevole è stato confermato,come già detto,anche dalla Città metropolitana.
Non ci crederete, ma, nonostante i competenti suddetti pareri negativi , il Sindaco ha dichiarato che basandosi sul SILENZIO-ASSENSO e cioè non avendo ancora ricevuto il parere dell’USR Lazio ha deciso di non consentire le iscrizioni alla scuola dell’Infanzia comunale degli alunni per l’anno 2020/2921.
La dichiarazione di Tondinelli è una mostruosa interpretazione della prassi amministrativa,
anche un dipendente statale o comunale alle prime armi sa che il SILENZIO-ASSENSO non viene esercitato tra le istituzioni,salvo forse casi eccezionali o di emergenza, ma solo nei rapporti tra i cittadini e la pubblica amministrazione nei limiti previsti dalla legge.
Inoltre al Sindaco evidentemente non bastano due pareri negativi espressi dagli organi competenti che fargli capire che la direttiva è da annullare ,come abbiamo proposto in sede di consiglio .
Altro aspetto grave delle decisioni di Tondinelli riguarda gli effetti sulle insegnanti che verrebbero inserite negli uffici comunali, non si sa a fare cosa, a scapito della loro provata e apprezzata professionalità.
Non è dato sapere inoltre quale sarà il destino del personale non docente.
Il Sindaco ha anche detto che le insegnanti avendo vinto un concorso pubblico dovevano essere pronte a ogni evenienza, quindi lui si arroga il diritto di incidere in modo a mio parere totalmente ingiustificato sulla vita e la dignità delle persone professionalmente preparate a svolgere una funzione per di più preziosissima per la comunità, come viene spesso sottolineato dal Presidente della Repubblica.
Ciliegina sulla torta ,Tondinelli non ha saputo rispondere a precisa domanda riguardo l’asserito risparmio derivante da tale pessima decisione.
Un consigliere 5 stelle ha rappresentato che non regge la motivazione del relativo futuro risparmio, stante la contestuale dichiarazione di Tondinelli di avere rimpinguato la cassa con notevoli entrate derivanti dalle tasse.
Il risparmio sarebbe con ogni evidenza comunque molto esiguo e come abbiamo avuto modo di evidenziare sarebbe sicuramente coperto abbondantemente dai fondi impegnati per inutili e dannosi incarichi e consulenze.
In definitiva il Sindaco ce la sta mettendo tutta per eliminare un eccellente ,forse l’unico degno di questo nome , servizio erogato dal Comune,
Questa strenna non ci piace e la rimandiamo al mittente.con una promessa : faremo di tutto affinché il bene dei bambini ,i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori e gli interessi della comunità siano salvaguardati.

I consiglieri comunali

Donato Mauro
Marco Tellaroli
Alessandro Persiano

Pubblicato lunedì, 23 Dicembre 2019 @ 06:04:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA