Biodistretto Maremma Etrusca e Monti della Tolfa, Gismondi e Melaragni: “La partecipazione di Cna per promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio” - Terzo Binario News

E’ il primo nel Lazio per estensione. Ma soprattutto identifica un’area di raro pregio ambientale, naturalmente vocata allo sviluppo ecosostenibile. Il Biodistretto Maremma Etrusca e Monti della Tolfa, dopo il riconoscimento deliberato la scorsa primavera dalla Regione Lazio sulla base del progetto presentato dal comitato promotore e la redazione dello statuto, è una realtà.

Si è infatti costituita davanti al notaio, a Tarquinia, nelle sale di Palazzo Bruschi Falgari, l’Associazione Biodistretto MET, presidente l’imprenditrice Anna Cedrini. Ne fanno parte i Comuni di Tarquinia, Tolfa, Allumiere e Monteromano, tre Università Agrarie, la Camera di Commercio Rieti – Viterbo, l’Istituto Scolastico Superiore Vincenzo Cardarelli, più di trenta produttori agricoli e alcune Associazioni. Tra queste, anche la CNA di Viterbo e Civitavecchia, che nel febbraio del 2020 aveva aderito al comitato promotore.

“Abbiamo partecipato fin dall’inizio a questo progetto che mette in rete le risorse naturali, produttive e culturali per valorizzarle e promuoverle – affermano Alessio Gismondi e Luigia Melaragni, rispettivamente presidente e segretaria dell’Associazione di rappresentanza dell’artigianato e della piccola e media impresa -. E’ un segnale importante il patto tra le istituzioni, le imprese, la scuola e il mondo associativo per lo sviluppo ecosostenibile del territorio, che è il modello cui sono orientate le nostre politiche: c’è volontà di operare in maniera unitaria e con efficacia”.

Nella delibera di adesione votata dalla presidenza della CNA, si indicano i principi che ispireranno le attività del Biodistretto MET. Come lo stimolo alla creazione di filiere corte, l’impulso al ricambio generazionale e all’innovazione nelle imprese artigianali e del sistema agroalimentare, lo studio di un’offerta turistica legata alla natura e alla conoscenza dei prodotti tipici locali, la diffusione del concetto di “educazione alimentare biologica”.

Pubblicato martedì, 12 Ottobre 2021 @ 19:06:51     © RIPRODUZIONE RISERVATA