Biodistretto Etrusco Romano: "contrari al parco fotovoltaico di Tragliata" - Terzo Binario News

La realizzazione dell’impianto fotovoltaico a Tragliata è una storia che ha dell’incredibile; progetto presentato per la prima volta nel 2008 dalla “SOLESA S.r.l. Tecnologie del Sole” e mai realizzato, ora riproposto da “ACEA SOLAR S . r .l. ” .

L’impianto occuperebbe circa 17 ettari di terreno destinato all’agricoltura e assoggettato a diversi vincoli ambientali e archeologici ed è chiaramente in netto contrasto con le norme regionali sui Biodistretti.

La stessa Legge istitutiva di questo nuovo strumento per lo sviluppo dell’agricoltura prevede che la “Regione persegue, con l’individuazione e il riconoscimento dei biodistretti, in particolare, l’obiettivo di:

  • valorizzare la conservazione delle risorse naturali e locali impiegando le stesse nei processi produttivi agricoli, al fine di salvaguardare l’ambiente e favorire lo sviluppo sostenibile del territorio; – promuovere e sostenere le azioni finalizzate alla valorizzazione della biodiversità, agricola e naturale, del paesaggio e del patrimonio storico culturale; – favorire la riduzione dell’impatto ambientale anche attraverso il miglioramento e recupero dei terreni marginali, l’incremento della fertilità di quelli esistenti [ … ] ” .
  • Le stesse norme regionali istitutive dei Biodistretti confermano che la zona prescelta per realizzare l’impianto fotovoltaico è chiaramente incompatibile con gli obiettivi dell’istituzione stessa e del riconoscimento del Biodistretto Etrusco Romano a cui aderiscono aziende agricole del Comune di Fiumicino e Cerveteri. Le nome e la localizzazione dell’impianto ci fanno ben sperare sul pronunciamento negativo da parte della commissione incaricata della procedura d i Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA).
    La produzione d i energia rinnovabile è uno dei pilastri sul quale poggia la futura politica agricola dell’Unione Europea e delle Regioni tramite i Piani Sviluppo Regionale (PSR).
    Il B i o d i st retto Etrusco Romano è parte attiva nell’attuazione delle politiche agricole regionali, comprese quelle per la produzione di energie rinnovabili, tant’è che ci sono Aziende associate che hanno già raggiunto l’autosufficienza energetica, mentre altre si stanno accingendo a farlo installando i moduli fotovoltaici sui tetti delle strutture che, a vario titolo, insistono nelle Aziende agricole stesse.
    Per l a salvaguardia del paesaggio e dell’ambiente e per produrre meno inquinamento sarebbe auspicabile che venissero facilitate e incentivate le realtà produttive che scelgono di installare sui tetti gli elementi fotovoltaici per la produzione di energia rinnovabile.
    Nel registrare l a contrarietà alla realizzazione di questo impianto da parte del Comune di Fiumicino e di tante realtà associative presenti e operanti nel territorio, auspichiamo la sua bocciatura”.
    il Presidente Biodistretto Etrusco Romano Massimiliano Mattiuzzo
Pubblicato mercoledì, 3 Marzo 2021 @ 13:42:19     © RIPRODUZIONE RISERVATA