La Regione ha prorogato il Bando per realizzare opere di ripristino e riqualificazione di aree naturali per la biodiversità, di sistemazione agrarie e di manufatti di interesse paesaggistico- naturalistico quali:

  • realizzazione e ripristino delle siepi, filari, frangivento e boschetti;
  • realizzazione o ripristino di percorsi, aree sosta e di quanto altro necessario per essere resi disponibili alla collettività.

Interventi che hanno la funzione di rendere visibilmente gradevole il territorio e gli stessi spazzi ad uso collettivo migliorando nel contempo la stessa vivibilità per i residenti e per i turisti.

Altri importanti interventi su tematiche riguardanti la produzione agricola e la stessa sicurezza cittadina sono previsti per la:

  • realizzazione di recinzione metalliche per la protezione degli animali;
  • realizzazione di recinzioni metalliche o elettrificate per contenere i cinghiali che provocano ingenti danni alle colture.

L’importo globale per tutte le opere previste dal bando è di oltre otto milioni di euro e tutti gli interventi sono a fondo perduto, ovvero rimborsati al cento per cento, gli beneficiari di detti fondi sono:

  • imprese agricole singole o associate;
  • Comuni o loro Unioni;
  • Comunità montane;
  • Gestori di aree di pregio (Parchi, Riserve o aree di elevato pregio).

Ogni intervento, per essere ammesso al finanziamento non può essere inferiore a euro diecimila e non superare ai centomila.

È auspicabile che imprenditori agricoli e Comuni presentino dei progetti per migliorare l’ambiente e mettere in sicurezza le colture dalla voracità dei cinghiali che sistematicamente le distruggono.

Biodistretto Etrusco Romano

Pubblicato sabato, 2 Dicembre 2023 @ 20:05:41     © RIPRODUZIONE RISERVATA
Exit mobile version