Anguillara, non c'è pace per gli alunni di via Verdi: classi mobili consegnate e già allagate. Genitori sul piede di guerra - Terzo Binario News

Non c’è pace per gli alunni di via Verdi. Stamani i container che dovevano ospitare i bambini risultavano allagati. Tanta la rabbia dei genitori, che nella mattinata di lunedì 23 settembre hanno accompagnato i loro figli per attendere il suono della campanella. Arianna, una mamma, ha raccontato a Terzo Binario: “A mezzanotte hanno consegnato la scuola, stamattina 270 bambini hanno trovato le classi allagate. Un parte dell’impianto elettrico non funziona, manca una ‘fetta’ della segreteria. Stiamo aspettando l’arrivo dei vigili del fuoco”.

La signora Arianna, inoltre, ha annunciato: “Chiederemo una perizia delle condizioni strutturali dei container. Poi valuteremo le eventuali decisioni da prendere”.

Il plesso scolastico, per la cronaca, è stato chiuso per “insufficienze strutturali riscontrate anche in campo statico oltre che dinamico”. Per ovviare all’emergenza, l‘Amministrazione venerdì 30 e sabato 31 agosto 2019 ha provveduto ad asfaltare il campo in terra del complesso sportivo, in modo tale da accogliere la scuola provvisoria da utilizzare nell’anno scolastico 2019-20 al posto del plesso al momento ko. A seguire sono arrivate le classi mobili.

Una situazione su cui erano maturati i dubbi del Partito democratico, Rete dei Cittadini e Articolo 1, che in una nota avevano detto: ““La situazione in loco dei container, allo stesso tempo, è tutt’altro che rassicurante: pochi e piccoli i moduli installati, di cui ora si dovrà comprenderne l’agibilità o meno, nessuna opera di arredo e di sistemazione esterna è stata effettuata. Un quadro di ritardi dunque che ci manifesta una realtà ben lontana da quanto promesso dagli amministratori”.

Pubblicato lunedì, 23 Settembre 2019 @ 09:08:06     © RIPRODUZIONE RISERVATA