Anguillara-Cesano: osservazioni di Roma Capitale e Acea, a fine mese il punto con Rfi - Terzo Binario News

L’Amministrazione comunale 5 stelle sta portando avanti dall’inizio del suo mandato tutte le necessarie attività propedeutiche alla cantierizzazione dell’opera Anguillara-Cesano.

“Ripercorrendo a grandi linee le tappe di questi ormai 3 anni di lavoro abbiamo provveduto a riattivare la conferenza dei servizi per ben due volte, eseguire e concludere le azioni di esproprio, eseguire le procedure di sdemanializzazione del Genio Militare che nel frattempo è passato nella disponibilità dell’Ente Militare, predisporre e completare la paesaggistica ed adeguare la documentazione alla sentenza del TAR sulle questioni relative al PRG – è riferito in una nota – per evitare pareri sfavorevoli che avrebbero decretato la morte dell’opera, l’Amministrazione sospese nel 2018 la conferenza dei servizi per predisporre dei tavoli tecnici di lavoro con tutti gli enti interessati, affinché da questi potessero pervenire tutte quelle osservazioni da far tramutare in azione progettuale dai professionisti incaricati evitando che le stesse andassero in contrasto fra loro, così da potergli presentare un progetto finale in grado di ottenere tutti i pareri favorevoli”. 

“Il frutto di tutto questo lavoro ha portato ad ottenere il parere favorevole del Dipartimento Urbanistica del Comune di Roma, il parere favorevole della Soprintendenza Archeologica su tutto il progetto (quindi sia di quella che gestisce il territorio di Anguillara Sabazia che di quella che gestisce la porzione che insiste sul Comune di Roma) e, dopo circa 5 mesi di lavoro del progettista da noi incaricato, anche il parere favorevole del Consorzio dell’Appennino Centrale che ci aveva richiesto una relazione dettagliata sull’intero corso del fiume Arrone”.

“Il tecnico incaricato sta già lavorando alle osservazioni che abbiamo recepito dal Dipartimento alla Mobilità di Roma Capitale – è evidenziato – che sono risultate piuttosto corpose ma anche fattibili, in vista anche di una futura collaborazione con il XV Municipio di Roma, così come sta lavorando ad ottemperare alle prescrizioni formulate da ACEA”.

“Pertanto, la conferenza dei servizi rimarrà aperta per poter predisporre le necessarie modifiche a valle delle indicazioni, osservazioni e prescrizioni raccolte.Inoltre, l’Ufficio tecnico sta predisponendo un punto della situazione da inviare agli enti interessati alla conferenza in modo da agevolare il rilascio dei pareri”.

“Ciò indica che l’Amministrazione ha tutto saldamente sotto controllo e sta facendo i passi giusti per arrivare ad avere la documentazione opportunamente predisposta per ottenere pareri favorevoli certi – è sottolineato – entro la fine del mese si svolgerà il tavolo tecnico con RFI precisando che per la prima volta sono stati invitati alla conferenza dei servizi da questa amministrazione nel 2017, poiché il loro parere è obbligatorio visto che l’opera dovrà essere realizzata nella fascia di rispetto della ferrovia Roma-Viterbo”.

“Sostanzialmente per questo motivo RFI, non avendo mai visto il progetto definitivo dell’Anguillara-Cesano, ha sviluppato il proprio progetto di raddoppio della ferrovia che potrebbe andare in sovrapposizione con l’arteria stradale in oggetto”.

“Come già fatto con il Dipartimento Mobilità di Roma Capitale, con il Consorzio dell’Appennino Centrale e ACEA siamo fiduciosi di riuscire a trovare con RFI un valido compromesso che possa mandare avanti ambedue i progetti. Acquisiti tutti i pareri favorevoli si andrà verso le definitive approvazioni di Città Metropolitana e Regione alle quali seguirà l’immediata cantierizzazione essendo l’opera già appaltata al Consorzio Coires che attende con impazienza di poterla iniziare veramente”.

Pubblicato lunedì, 20 Maggio 2019 @ 16:49:26     © RIPRODUZIONE RISERVATA