Allumiere, l'Ic di Tolfa vince le Olimpiadi della Creatività 2019 - Terzo Binario News

Si sono svolte sabato 25 maggio, ad Allumiere, le finali della seconda edizione delle Olimpiadi Della Creatività 2019, che hanno premiato per il secondo anno una classe dell’I.C. di Tolfa: il terzo posto è andato alla classe 2B della scuola primaria di Tolfa con il progetto Ciak si gira!

Grande la gioia e l’entusiasmo dei bambini, dei genitori e dell’insegnante Serena Rosati, che li ha accompagnati e guidati.

– Siamo molto felici per il risultato – dichiarano dalla scuola – partecipando sempre volentieri a queste manifestazioni che vedono come protagonista la creatività dei bambini; si sono visti molti bei lavori e ci complimentiamoo con tutti i partecipanti ma soprattutto con i vincitori del secondo e primo posto, condividendo il responso della giuria, che ringraziamo per aver captato l’originalità del nostro prodotto. Lo scorso anno primo posto, quest’anno terzo…forse è il caso di dire che la creatività non ci manca!

Scherzi a parte, crediamo che abbia vinto la semplicità e la collaborazione degli alunni, il modo in cui hanno esposto il lavoro svolto, unito alla didattica digitale che mai manca nei nostri prodotti: usano quotidianamente il digitale (c’era moltissimo materiale digitale ma si è preferito portare lavori che dimostravano chiaramente l’IMPARARE FACENDO) e conoscono già, a sette anni, i principi del coding, creando apps e giochi didattici. Si cerca di essere sempre attenti alle indicazioni nazionali e alle tematiche ambientali, non a caso la storia inventata dai bambini, e poi prodotta in forma digitale, riguardava la salvaguardia del mare dall’invasione della plastica ( come prevede l’Agenda 2030 al punto n.14). Si ringraziano vivamente le famiglie che hanno votato il nostro elaborato con più di 500 bolle, permettendoci così di arrivare tra i finalisti e gli alunni, che lealmente si sono messi in gioco, dimostrando spirito di iniziativa e imprenditorialità. Un applauso va agli organizzatori Marco Vigelini e Adriano Tani, ma anche a tutti gli altri che con passione portano avanti questo progetto concludendo che la scuola non deve educare alla competizione bensì alla collaborazione.

Pubblicato mercoledì, 29 20 Maggio19 @ 19:26:35     © RIPRODUZIONE RISERVATA