Allumiere, il bilancio dopo tre anni di amministrazione - Terzo Binario News

Parla il sindaco Pasquini, replica Ceccarelli dell’opposizione

Bilancio triennale per l’amministrazione allumierasca guidata da Antonio Pasquini. Il sindaco della paese collinare traccia una linea facendo il punto delle operazioni concluse e di ciò che lo aspetta nel prossimo biennio: “Finora è stato uno splendido percorso di vita a servizio dei miei concittadini – spiega Pasquini – condiviso con tutti i consiglieri e i dipendenti comunali. Io e la mia squadra abbiamo qualche capello in meno e più pensieri ma resta la certezza che lasceremo un paese migliore>.

Sulla gestione della fase Covid: “In questi 85 giorni di segregazione sono stato sempre affiancato dagli amministratori che ringrazio. Va poi rilevata la grande attività di Protezione Civile e Croce Rossa e l’eccezionale collaborazione dei cittadini, specie dei più piccoli>. Quindi i progetti in cantiere: “La riqualificazione del Palazzo Camerale con 300mila euro di finanziamento; il restyling di piazza della Repubblica con 50mila euro e altrettanti per l’illuminazione anche di piazza Turati; 500mila euro per il parcheggio e la frana sopra il bocciodromo; 20mila euro per la cartellonistica e 500mila euro per sistemare la palestra>.

Poi tradizioni e ringraziamenti: “È tornata la corsa dei cavalli dopo ben 22 anni di fermo grazie a Sante Superchi e altri ragazzi eccezionali. Con la collaborazione di Eureka hanno funzionato il carnevale e per la Notte del Cencio. Infine ringrazio la mia famiglia e quelle di tutti gli amministratori, che hanno sopportato le nostre assenze dovute alle necessità del paese”.

E l’opposizione? Osserva, critica ma senza infierire troppo. Anzi, apprezzando alcune delle iniziative intraprese dall’amministrazione Pasquini. A intervenire è Simone Ceccarelli di ArticoloUno: “Su scuole e acquedotto – spiega il consigliere di minoranza – sono stati raggiunti risultati che riconosciamo ma è un po’ poco in tre anni. La frana di via Basoli è da risistemare, il progetto del bocciodromo della Nona è bello ma finora è rimasto un sogno>. Tuttavia il Covid un merito lo ha avuto: “Ha sciolto il ghiaccio fra maggioranza e opposizione, si è aperta una fase nuova di collaborazione. Sul bilancio confesso di aver votato contro su tutti e sette i punti all’ordine del giorno senza polemiche e senza nascondere le difficoltà che Pasquini ha dovuto gestire>. Capitolo a parte, il progetto Ater: “Ho votato contro anche su quel provvedimento e sembra un paradosso. Il Comune è già esposto verso l’azienda di oltre 100mila euro per un’opera pregressa e non vorrei che quest’intervento, che reputo utilissimo, serva per per saldare il debito> conclude Simone Ceccarelli.

Pubblicato domenica, 14 Giugno 2020 @ 08:34:00     © RIPRODUZIONE RISERVATA