Allarme Cna: "Sarà panico fiscale per colpa dell’ecobonus" - Terzo Binario News

Hanno trovato immediata conferma le preoccupazioni espresse dalla CNA sulle novità per l’ecobonus introdotte con l’articolo 10 del Decreto Crescita. 

Il provvedimento, come è noto, prevede l’opzione, per i clienti, di avere uno sconto in fattura da parte delle imprese che effettuano i lavori, in alternativa al credito d’imposta da utilizzare in compensazione negli anni successivi. Una misura che discrimina le piccole imprese e altera la concorrenza, restringendo la libertà di scelta dei consumatori, dal momento che solo pochi grandissimi operatori possono permettersi di rinunciare ad incassare integralmente le fatture, trasformandole in un credito di imposta da utilizzare in 5 anni.

L’inserimento della possibilità di cedere il credito ai fornitori di beni e servizi, che era stata adottata per superare tale limite, sta invece gettando gli operatori nel panico. CNA segnala: “In attesa della circolare da parte dell’Agenzia delle Entrate, in tutta Italia inizia a diffondersi la prassi, da parte dei fornitori di beni e servizi alle imprese che realizzano gli interventi, di inserire nelle offerte e nei preventivi una clausola di salvaguardia con la quale l’impresa rinuncia espressamente alla possibilità di trasferire loro il credito di imposta derivante dallo sconto in fattura concesso al cliente come anticipazione dell’ecobonus”.

Che sia una pratica commerciale scorretta, vi sono pochi dubbi. Ma è altrettanto evidente l’impraticabilità della nuova disposizione del Decreto Crescita. Misura giudicata subito negativamente dalla CNA. “E purtroppo i fatti – dice Luigi Baffo, presidente di CNA Installazione e Impianti di Viterbo e Civitavecchia – ci stanno dando ragione. Le piccole imprese dell’impiantistica, del legno e dell’arredamento sono comprensibilmente allarmate: il rischio che il mercato si concentri nelle mani di pochi grandi gruppi è più che mai concreto. Ma non ci si rende conto che si danneggia in maniera irreparabile un pezzo importante del nostro tessuto economico e si mettono in pericolo posti di lavoro?”.

Nelle scorse settimane, CNA si è attivata con un esposto all’Autorità Antitrust e alla Commissione Europea per accertare l’illegittimità dell’articolo 10 per violazione del diritto della concorrenza. La soluzione al problema – ribadisce l’Associazione – è molto semplice: abolire l’articolo 10. Soluzione peraltro già indicata al governo e ai parlamentari in sede di dibattito sul Decreto. La battaglia prosegue. Gli artigiani non si danno per vinti.

Pubblicato lunedì, 15 Luglio 2019 @ 17:38:19     © RIPRODUZIONE RISERVATA