Ladispoli, bimbo irrequieto (e disabile) sospeso da scuola. L'esperta: "Provvedimento esagerato" - Terzo Binario News

Sospendere da scuola un bimbo disabile perché non si riesce a controllare le sue scorribande in classe. Questa la decisione assunta dal consiglio d’istituto – di concerto con la famiglia – della Corrado Melone.

Il provvedimento è stato assunto allo scopo di provare a placare il piccolo di sette anni.  Ma sarà la soluzione giusta?

Secondo Martina, trent’anni di esperienza come aec, si è esagerato, senza avere la certezza di una risposta positiva da parte del bimbo a seguito dalla decisione. “Nelle scuole si vedono scene peggiori – spiega l’assistente scolastica – anche se indubbiamente il disturbo arrecato agli altri alunni è un problema reale. Ma nessuno si è mai sognato di sospendere un bambino disabile. Una soluzione che risolva definitivamente la questione non c’è, per giunta senza conoscere la vicenda nei dettagli. Però su alcuni parametri si potrebbe intervenire. Ad esempio, diminuendo l’orario scolastico, che evidentemente lo stressa oltremisura, oppure stimolando in lui interessi diversi dalla routine quotidiana. La palestra chissà magari rappresenta uno sfogo per scaricare le tensioni, così come un utilizzo più intenso dei laboratori o magari attraverso la musica”. 

Pubblicato sabato, 15 20 Dicembre18 @ 17:37:20     © RIPRODUZIONE RISERVATA