TolfArte 2017, oltre 50.000 presenze in tre sere - Terzo Binario News

di Cristiana Vallarino

La migliore performance di Tolfarte 2017 è stata quella di…Tolfa! Non c’è dubbio infatti che la cittadina ha gestito alla grande, ancor meglio delle scorse edizioni, l’accoglienza ai migliaia di visitatori saliti in collina nei tre giorni dedicati al teatro di strada, all’artigianato di livello e allo street food di qualità. Conti precisi non è facile farne, ma una stima ragionevole parla di ben oltre le 50.000 presenze nelle tre serate, con una punta il sabato.

Quest’anno, la vigilia del festival, ideato 13 anni fa dalla Comunità giovanile tolfetana, era stata accompagnata da una discreta apprensione da parte dell’organizzazione e dell’amministrazione a causa delle nuove norme antiterrorismo e di quelle per la safety. A Tolfarte archiviato si può dire che la prova è stata brillantemente superata.
“Sono venute persone da molte parti d’Italia – commenta il sindaco Luigi Landi – a conferma dell’importanza e della fama che l’evento ha ormai raggiunto. Notevole naturalmente il ritorno economico per tutti gli operatori economici tolfetani e l’effetto vetrina che l’appuntamento ha per il nostro centro”.

Il primo cittadino, che è stato per tre giorni sul campo, armato di walkie talkie, è soprattutto orgoglioso del funzionamento della macchina organizzativa che ha visto il debutto con successo sia del Coc centro operativo comunale che del Coi, quello intercomunale. “Le navette della Seatur, gli steward (150 i volontari, ndr) su tutta l’area a monitorare l’affluenza dei visitatori, la video sorveglianza e poi vigili urbani, carabinieri, agenti di polizia, Protezione civile locale e dei comuni limitrofi, una postazione della Croce Rossa – spiega Landi – Inoltre, previste e segnalate vie di fuga per la folla. Tutto faceva capo alla sala controllo in municipio da dove, nel caso di emergenze, sarebbero potuti partire anche avvisi in filodiffusione dai palchi. Insomma, il nostro piano messo a punto col coordinamento del commissariato Ps di Civitavecchia, si è rivelato vincente. Ha limitato al massimo i disagi e offerto servizi migliori. A margine di un’offerta artistica strepitosa!”.

Dall’assessore alla Cultura Cristiano Dionisi, anche lui impegnato sul campo, un sentito “grazie a tutti, in modo particolare alla squadra straordinaria della Cgt ch anno dopo anno è stata capace di dare vita a un sogno”.

Un sogno splendido, pieno di colore e divertimento, che ha portato a Tolfa ancora una volta spettacoli e performer eccezionali. Di questi alcuni si propongono direttamente altri sono contattati dal direttore artistico Claudio Coticoni. “Molti non ricevono compensi, ma fanno cappello come vuole la tradizione del teatro di strada” spiega Fabio Fronti, responsabile della Comunità giovanile, che si dice molto soddisfatto per l’edizione 2017 di Tolfarte. “Credo che siamo andati molto meglio del passato – aggiunge – ma naturalmente c’è sempre qualcosa da migliorare!”.

E per il 2018? “Non avremo certo problemi a variare la presenza di artisti. Che ormai siamo internazionali lo conferma il fatto che sulla nostra pagina Facebook una ballerina brasiliana si è già candidata per il prossimo anno” racconta Fronti. Visto il successo della manifestazione, si potrebbe anche pensare di ampliarne i tempi. “E’ un’idea – conclude Landi – che abbiamo tutto il tempo di valutare nei prossimi dodici mesi!”.

Pubblicato mercoledì, 9 agosto 2017 @ 17:43:12     © RIPRODUZIONE RISERVATA