"Spazio a chi è una razza superiore e senza difetti": la delegata Baiocchi attaccata da un ''fascista'' in chat su Fb - Terzo Binario News

Riceviamo e pubblichiamo – “”Signora Baiocchi, come delegata alla scuole non pensa che dovrebbe mandare avanti i ragazzini normali? Si deve dare opportunità prima a quelli normali che avranno un futuro nel mondo. Lei non capirà il mio discorso perchè io sono fascista e rappresento integrità fisica e mentale, una razza superiore e senza difetti. Pensiamo a chi avrà sempre minorazione e la facciamo pagare ai normali, una vergogna alla razza Italiana”.

Questo è un estratto di un messaggio ricevuto ieri, dove termini atroci che credevamo estinti ci riportano indietro nel tempo e ci fanno rabbrividire….

Risposta forse dura e offensiva la mia, della quale me ne assumo la più totale responsabilità, ma non la ritengo meno offensiva di quanto possa essere stato offensivo questo messaggio nei confronti dell’intera comunità e soprattutto nei confronti di quelle famiglie dove ogni giorno rappresenta per loro una prova di forza.

Non posso mettermi nei panni di quella madre e sarei profondamente ipocrita se dicessi di comprendere il loro stato, nessuno può farlo, nessuno può capire cosa significhi, solo chi lo vive.

Quello che possiamo fare noi è cercare di essere vicini, offrire amore, appoggio, comprensione e impegnarci come genitori nell’educazione dei nostri figli, insegnando loro cosa sia il rispetto e come metterlo in pratica ogni giorno.

Quando arrivano questi fulmini a ciel sereno, parole, ideologie disumane, visioni distorte e personali sulla politica ci lasciano l’amarezza e la consapevolezza che per alcuni la storia non è stata maestra di vita.

“Grosso è lo sdegno e la ferita che queste parole ci hanno lasciato”, afferma l’assessora alle Politiche Sociali, Francesca Cennerilli.

“Quello che è accaduto ieri rasenta l’assurdità della mente umana, affermazioni che fanno riferimento all’apologia e alla discriminazione sociale, reati dal punto di vista penale, ma soprattutto uno vero schiaffo alla nostra Costituzione, il cui principio fondamentale è proprio quello di garantire il rispetto, la dignita e i valori di ogni essere umano, ma forse chi ha scritto quel messaggio ignora cosa sia la Costituzione e di conseguenza quale sia il comportamento che un cittadino civile e democratico dovrebbe adottare, senza dimenticare mai che abbiamo l’onore di vivere in un paese con una Costituzione così bella ed importante.

Mi dissocio dalla cattiveria di quelle parole e pretendo rispetto per quelle famiglie che vivono ogni giorno la difficoltà dell’handicap, e per tutte quelle persone, familiari, amici, conoscenti, operatori del servizio, che tutti giorni danno la loro vita affinché queste persone possano vivere nel modo più dignitoso possibile in eguaglianza e rispetto di tutti gli altri.

Questa persona ha commesso un reato nei confronti dell’umanità e spero che abbia la giusta punizione.”

Nonostante il gesto indegno, per il quale saranno presi serissimi provvedimenti, sono stata comunque molto felice di vedere una cittadina unita contro la discriminazione, che si è battuta anche con un solo messaggio a favore dell’umanità, della giustizia, dell’uguaglianza. È stato un momento di riflessione che ci fatto capire quanto sia importante la solidarietà, quanto abbiamo bisogno l’uno dell’altro, che ci sentiamo tutti uguali e siamo pronti a tendere le nostre mani a chi ha bisogno del nostro sostegno”.

Francesca Cennerilli
Assessora alle Politiche Sociali

Pamela Baiocchi
Delegata alle Politiche Scolastiche

Pubblicato giovedì, 11 gennaio 2018 @ 17:07:10     © RIPRODUZIONE RISERVATA