Nasce il Circolo di Ladispoli e Cerveteri dell’A.N.P.I. - Terzo Binario News

Riceviamo e pubblichiamo – “I recenti avvenimenti di Ostia, con l’aggressione di un giornalista, hanno ulteriormente acceso i riflettori sul pericolo neofascista e sugli inquietanti rapporti tra alcune frange dell’estrema destra e la criminalità organizzata. Questi fatti seguono la clamorosa inchiesta del cosiddetto filone di “Mafia capitale” che hanno visto la partecipazione diretta dell’ ex terrorista dei N.A.R. Carminati insieme ad elementi corrotti dei partiti e della pubblica amministrazione.

E tutto questo si inquadra in un preoccupante clima di ripresa ( e purtroppo, anche sèguito, da parte di settori popolari in forte disagio per la crisi economica) dell’attività neofascista. Assistiamo a sconcertanti episodi, dove oramai, sempre più apertamente, sui media, sui social, nelle strade, in troppi rivendicano idee chiaramente razziste e propugnano apertamente ideologie che prevedono una fantomatica superiorità della “razza bianca” su altre persone dalle diversa pigmentazione della pelle o di altre etnie. Non si contano quasi più le aggressioni, le minacce, quando non addirittura i pestaggi nei confronti di cittadini italiani e stranieri, anche nel nostro territorio. Negli stadi si è arrivato ad utilizzare l’immagine di Anna Frank, giovane martire olandese dei massacri nazisti, come “offesa” nei confronti delle altre tifoserie, rivendicando, nei fatti la Shoah ed i campi di sterminio. In Europa vediamo governi (in Ucraina, Polonia, Ungheria), rifarsi apertamente ad un passato improponibile. In Francia una esponente neofascista ha rischiato di diventare Presidente della Repubblica, in Austria l’estrema destra vince le elezioni ed in Germania i nostalgici di Hitler tornano clamorosamente in Parlamento.

Tutto ciò affonda sicuramente le sue radici nella grave crisi economica nazionale ed internazionale e nelle politiche di austerità che eliminano diritti e garanzie sociali, gettando nella disperazione larghi strati sociali e facilitando il compito di coloro che alimentano la guerra tra i poveri e gli ultimi. Il pericolo fascista è quanto mai reale!

Diventa quindi decisivo il recupero della memoria storica, per riportare al centro del dibattito la verità su quello che le generazioni immediatamente precedenti la nostra hanno vissuto sulla loro pelle e fare pulizia di quelle ricostruzioni politiche ambigue o addirittura conniventi con le follia nazifascista che ha colpito il mondo nel secolo scorso.

Ma la costruzione del circolo ANPI nel nostro territorio vuole essere anche un rinnovato impegno per la causa della libertà e della democrazia, che saldi il rapporto tra vecchie e nuove generazioni, fornendo ai giovani gli strumenti politici e culturali per combattere i pericoli di ritorno ad un terribile passato. E’ per questi motivi che il Circolo verrà intitolato a Domenico Santi, “Memmo il calzolaio”, storica figura dell’antifascismo del nostro territorio e nell’assemblea di costruzione del Circolo si proporrà di affidare la presidenza ad un giovane ladispolano di 23 anni, Antonio Romano. Il dottor Furio Civitella che sarà tra i relatori ha accettato la carica di Presidente Onorario del Circolo, per un ponte ed un ideale passaggio di consegne tra le generazioni che hanno vissuto e combattuto il fascismo e le nuove che saranno chiamate a difendere e sviluppare i valori della Resistenza.

All’assemblea di costituzione parteciperà Stefano Valentini in rappresentanza dell’ANPI Provinciale di Roma, mentre il Dottor Amico Gandini, ex sindaco di Ladispoli curerà la parte storica, della riunione.
L’Assemblea si terrà venerdì 24 novembre alle ore 16,30 presso la Casa del Popolo di Ladispoli in Via Rimini 10.
Invitiamo tutti i sinceri antifascisti a partecipare ed iscriversi al Circolo ANPI.
La Casa del Popolo di Ladispoli

Pubblicato domenica, 19 novembre 2017 @ 13:29:44     © RIPRODUZIONE RISERVATA