24042017Headline:

L’Aurelia torna a mietere vittime

Impossibile attraversare la statale nei pressi della Casa della Salute

di Francesco Scialacqua

Bilancio drammatico in questo weekend sulla statale Aurelia.

In soli due giorni due incidenti hanno portato ad un bilancio pesante. Tre feriti gravi e soprattutto una vittima.

Sabato pomeriggio il primo incidente avvenuto in un punto che ormai fa registrare il record sinistri, quello compreso tra Marina di San Nicola e Ladispoli sud. Un incidente frontale tra due auto il cui bilancio poteva essere ben peggiore giudicando lo stato  delle automobili.

Ma ancora più tragico è stato l’incidente di ieri pomeriggio dove una donna D.T., lavoratrice presso la RSA Luigi Gonzaga, ha perso la vita investita da una moto questa volta tra le rotonde di Ladispoli nord e Cerveteri. Un tratto anche quello dove la scia di incidenti è lunga seppur in genere con bilanci meno gravi. Il tratto di Aurelia è infatti compreso tra due rotatorie che non consentono il raggiungimento di alte velocità.

Fatale ieri potrebbe essere stata l’assenza di strisce pedonali per l’attraversamento. Nel tratto infatti seppure da un lato e da quello opposto esistono strutture molto frequentate, la RSA e la Casa della Salute, l’attraversamento resta una manovra ostica per i pedoni. Nei pressi del punto dove ha perso la vita la donna c’è tra l’altro una fermata delle linee Cotral, ma i pedoni non hanno alcuna tutela nell’attraversare la statale che in quel punto è di fatto un tratto ad utilizzo urbano.

L’allarme è quindi rivolto a chi di competenza. C’è bisogno di intervenire e di farlo subito.

19 dicembre 2016 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenta l'articolo

Aggiungi TerzoBinario nei tuoi social network.

ANCHE TU REDATTORE - Invia una notizia
PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3Lmdvb2dsZS5jb20vbWFwcy9lbWJlZD9wYj0hMW0xMCExbTghMW0zITFkMjExMDYzLjEyMTg5NTQ3Mjk4ITJkMTIuMjE0NzQ5MDIwODUzODI4ITNkNDIuMDY2NDMwOTAwNzI1NDEhM20yITFpMTAyNCEyaTc2OCE0ZjEzLjEhNWUwITNtMiExc2l0ITJzaXQhNHYxNDUwNzEwNDE5MzQ4IiB3aWR0aD0iMTAwJSIgaGVpZ2h0PSIxMDAlIiBmcmFtZWJvcmRlcj0iMCIgc3R5bGU9ImJvcmRlcjowIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Grazie per la segnalazione. Verrai al più presto contattato dalla redazione