Ladispoli punta a ridurre la TARI con il compostaggio - Terzo Binario News

L’amministrazione comunale di Ladispoli prova ad affidarsi al compostaggio per ridurre sensibilmente la tassa sui rifiuti.

La giunta infatti ha presentato alla Regione Lazio un progetto per aumentare da 500 a 5000 il numero di utenze che fanno il compostaggio di cui 3500 con compostiera e le restanti con l’autocompostaggio.

Il sistema di risparmio si basa sulla minore produzione di umido, una delle frazioni che devono essere portate in centri di smaltimento con un aggravio proporzionale di costi. Meno umido si porta in discarica e meno è il costo con il comune deve sostenere.

L’applicazione del progetto richiede una fase di investimento, che verrebbe implementata con l’eventuale finanziamento della Regione Lazio. L’importo richiesto alla Regione a copertura totale del progetto è di 420.000 euro, una cifra notevole anche se il risparmio potrebbe essere di gran lunga superiore alla cifra spesa.

Ladispoli in sostanza seguirebbe in parte quanto attuato a Cerveteri, dove un gran numero di utenze non conferisce l’umido, ma è costretto a smaltirlo soprattutto nelle zone sparse. Il risparmio secondo il piano ricadrebbe in gran parte sui cittadini che attuano questo sistema virtuoso di smaltimento.

Pubblicato martedì, 10 ottobre 2017 @ 08:32:24     © RIPRODUZIONE RISERVATA