Cerveteri, lento avvio del Pascucci bis - Terzo Binario News

Francesco Scialacqua

Avvio deludente per il secondo mandato dell’amministrazione Pascucci.

Sarà perché gli ultimi atti del primo Pascucci sono stati uno sprint verso la campagna elettorale ma, a prescindere, la sensazione è che i primi due mesi e mezzo di amministrazione siano passati vivendo di rendita. Pochi gli atti amministrativi, poche le riunioni di giunta.

Tra i pochi atti approvati, circa 30 delibere di giunta, solo 4 o 5 contengono provvedimenti che si possono definire “nuovi”. Per il resto si tratta di modifiche o integrazioni di azioni già intraprese o spostamenti di capitoli in bilancio. Atti dovuti in alcuni casi ed in altri necessari per poter finanziare le manifestazioni estive.

All’avvio lento, va anche aggiunta l’assenza di incisività dei membri della giunta: poche infatti le idee portate alla luce.

Ma se la maggioranza non ha fatto granché, l’opposizione sembra non aver avuto quel cambio di passo che il risultato elettorale avrebbe dovuto portare. Elezioni che hanno mostrato come la pubblicità quotidiana di piccoli/grandi disservizi di per sé non è sufficiente a togliere popolarità al sindaco Pascucci, come non è condizione sufficiente a portare consenso ad una nuova formazione politica.

In maggioranza si discutono gli equilibri e la distribuzione delle deleghe, apporto di persone che dovrebbe avviare i lavori dell’amministrazione e che in queste prime fasi sono spesso oggetto di prove di forza tra le varie anime dell’allargata coalizione di Pascucci

Lo slogan della campagna elettorale del sindaco è stato #altrochecchiacchiere, in questi primi 3 mesi l’hashtag che meglio si abbina è: #ancheduechiacchiere non sarebbero state male.

Pubblicato mercoledì, 13 settembre 2017 @ 13:22:28     © RIPRODUZIONE RISERVATA