Cerveteri, Azione Civile: "Bene l'adozione in giunta della delibera Sprar" - Terzo Binario News

Riceviamo e pubblichiamo – “Azione Civile appoggia senza porre alcuna condizione e con convinzione l’adozione in giunta della delibera n° 140 del 07/11/2017 di adesione allo SPRAR che finalmente avvia anche a Cerveteri l’iter esecutivo per un progetto di accoglienza finalizzato alla Protezione dei Profughi Richiedenti Asilo e dei Rifugiati.

Si tratterà quindi di un progetto dedicato a 30 persone che sicuramente porterà lustro alla nostra Città come lo è stato portare nella passata legislatura in assise pubblica la prima consigliera aggiunta la Sig.ra Nawal El Mandili in rappresentanza dei Cittadini migranti. Cerveteri è bene ricordarlo è una Città che nonostante le difficoltà della fase storica mantiene salda la sua vocazione solidale che ha già palesato in mille occasioni e per svariate situazioni, non ultima quella tra il 2013 e 2014 quando si ricorda che con lo stesso Sindaco in carica, un progetto analogo è stato già ospitato sul territorio. Una solidarietà che va riconosciuta a chi è costretto a migrare dai propri paesi di origine, ma che soprattutto deve essere rivolta alle località e alle popolazioni d’Italia oggi sono alle prese con problemi di forti concentrazioni di disagio e che spesso vengono causati proprio dall’ottusa resistenza che alcune amministrazioni locali oppongono al corretto svolgersi di questo tipo di progetti di integrazione.

Un’ostilità irresponsabile al limite del razzismo e della xenofobia strumentalizzata e fomentata a livello politico proprio da chi in amministrazione è invece chiamato a governare i processi di gestione e non ad ostacolarli in modo ideologico e demagogico. Ne sono un esempio lampante le scelte compiute dalla maggioranza consigliare del vicino Comune di Ladispoli che per non aderire a un similare progetto ha adotto scuse immotivate e irricevibili che offendono la città sui versanti dell’etica politica e della verità amministrativa. Un’aberrazione deliberativa, quella che ora espone Ladispoli a una gestione completamente privatizzata e commissariata del servizio che si ricorda deriva da scelte di competenza che sono proprie dello Stato centrale e di cui le amministrazioni comunali rappresentano un organo integrato di governo del territorio.

Un ostilità politica che caratterizza in modo pernicioso e ingiustificato tuttavia anche le forze di destra in opposizione a Cerveteri che in questi giorni stanno addirittura chiedendo senza indicarne alcuna copertura finanziaria lo svolgersi di un costoso quanto mai inutile referendum cittadino. A costoro va ricordato senza sconti che la democrazia si è già pronunciata alle elezioni comunali ultime scorse e che l’elettorato ha già dato mandato democratico all’amministrazione in carica per avviare progetti di integrazione di questo tipo.

Infine e inoltre a tale proposito Azione Civile:
•esprime solidarietà a chi in questi giorni sta proseguendo all’interno della lista Annozero di Cerveteri la staffetta dello sciopero della fame per ottenere l’approvazione della legge nazionale sullo Ius Soli
• invita la cittadinanza a partecipare alla conferenza del 23 novembre “Immigrazione e Territorio” indetta dalla Consulta Comunale dei Cittadini Migranti e Apolidi in programma alle ore 17,00 presso la Sala “G. Ruspoli – Prof. Cristofani””.

Azione Civile – Cerveteri e Ladispoli
Maurizio Sansone

Pubblicato martedì, 14 novembre 2017 @ 08:29:57     © RIPRODUZIONE RISERVATA