24Festival
19082017Headline:

Bracciano, EcoItaliaSolidale: “Il lago sta morendo di sete, la Raggi venga a verificare di persona”

Riceviamo e pubblichiamo – “E’ stata una giornata di festa la scorsa domenica organizzata da Ecoitaliasolidale presso il CIRCOLO DI VIGNA DI VALLE “IL DRAGOLAGO”, una iniziativa intesa a bloccare tutto ciò che possa mettere a rischio il prestigioso valore ecosistemico e le bellezze ambientali e paesaggistiche del lago di Bracciano.

Indossando le magliette con il logo dell’Associazione ambientalista e con la scritta “DIFENDIAMO IL NOSTRO LAGO” numerosi partecipanti hanno aderito all’iniziativa pagaiando sul Dragon Boat , la storica canoa a 20 posti sul lago. Oggi invitiamo la Sindaca di Roma, Virginia Raggi,  a verificare di persona per rendersi conto come il Lago da grande risorsa ambientale sta “morendo di sete”.

“Siamo preoccupati altresì per le recenti parole del Presidente di Acea Ato2, Paolo Saccani, che ha comunicato agli amministratori locali che
verranno aumentati i volumi di captazioni delle acque per far fronte alla carenza idrica degli acquedotti, quindi a tutto svantaggio del
Lago di Bracciano. Per intenderci ora la captazione é pari a 1.500 litri al secondo e si avvia al raddoppio per risolvere la carenza idrica di
Roma”.

“Peraltro vorremmo ricordare che la convenzione datata 1990 con la multiutility ACEA, stabiliva che l’acqua del lago avrebbe dovuto rappresentare una riserva idrica per la Capitale , quindi utilizzabile solamente in momenti di emergenza ed invece in questi anni l’ACEA ha trasformato la possibilità di utilizzare l’acqua del lago solamente in emergenze in un fatto
ordinario”.

“Secondo il Consiglio Nazionale delle Ricerche la massima oscillazione tollerabile é di 1,50 metri, ed essendo oggi a circa 1,40 metri sotto
lo zero idrometrico, il punto di riferimento convenzionale per misurare il livello, vi sono ancora 10 centimetri e poi il collasso. Chi ha sete oggi è il Lago”.

“Nel proseguire attraverso i nostri volontari a raccogliere le firme per la Petizione Popolare che Ecoitaliasolidale a breve inoltrerà alla
Commissione Petizioni del Parlamento Europeo, ricordiamo come il Lago è in un’area protetta dall’UE nell’ambito della rete “Natura 2000”, quindi si debbono rispettate la direttiva habitat e la direttiva quadro sulle acque”.

“Intanto nulla viene fatto per lamanutenzione degli acquedotti sempre più colabrodo come quello di Roma che spreca nella propria rete ben il 44,4% della risorsa idrica, un fenomeno grave che dovrebbe far riflettere proprio la Sindaca della Capitale”.
“Da parte nostra proseguiremo con la massima determinazione per difendere il Lago di Bracciano proprio in sede comunitaria non trovando risposte certe edadeguate dagli Enti di controllo del nostro Paese, dalla Regione Lazio al Ministero dell’Ambiente, alla Sindaca Raggi chiediamo una verifica sul campo per bloccare la lenta agonia del Lago di Bracciano”.

E’ quanto dichiarano in una nota Piergiorgio Benvenuti e Vanda Soriente rispettivamente Presidente Nazionale e Segretario Regionale per il Lazio, del Movimento Ecologista ECOITALIASOLIDALE.

8 giugno 2017 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenta l'articolo

Aggiungi TerzoBinario nei tuoi social network.

loading...