24Festival
29092016Headline:

8 settembre 1943: a Bracciano si commemorano i caduti Udino Bombieri, Antonio Merlo, Elia Candido e Enrico Latini

braccianoA 70 anni dai tragici fatti dell’8 settembre 1943, Bracciano ricorda gli atti di Resistenza avvenuti e i morti caduti eroicamente in quei drammatici primi giorni dell’occupazione nazista. In programma domani 7 settembre alle 15.30 in aula consiliare un evento commemorativo delle figure del M.O.V.M. sergente maggiore Udino Bombieri, del caporale Antonio Merlo, del soldato Elia Candido e del soldato Enrico Latini che a Bracciano morirono nello scontro con le truppe tedesche in ritirata.

Presente il sindaco di Bracciano Giuliano Sala. Ci saranno interventi e testimonianze. Dopo l’incontro, alle 17.30 si terrà la cerimonia con la deposizione di una corona d’alloro presso il cippo dedicato a Udino Bombieri sito presso il campo sportivo comunale. Dopo la cerimonia visita guidata presso i luoghi dove si sono svolti i fatti d’arme.

6 settembre 2013 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenta l'articolo

Aggiungi TerzoBinario nei tuoi social network.

  • Claudio Razeto

    Marco Gasparini
    Claudio Razeto

    1943Diario dell’anno che sconvolse l’Italia
    Castelvecchi
    Il 1943 fu indubbiamente l’anno che cambiò il corso della Seconda Guerra Mondiale e i cui eventi determinarono il crollo del regime di Mussolini in Italia e la conseguente guerra civile. Da allora la data 8 settembre, quella dell’armistizio con gli Alleati, rimarrà per sempre nella storia degli italiani come sinonimo di caos e di sfascio, di fuga e di disonore ma anche di riscatto e di orgoglio come accade così spesso nella storia del nostro Paese, capace di reazioni estreme quando la situazione si fa insostenibile. Dodici mesi terribili ed eclatanti in cui accadde di tutto e di tutto si disse. Dalla fine del regime fascista alla ritirata dell’Armata italiana in Russia, dall’ultima battaglia d’Africa in Tunisia allo sbarco in Sicilia. Il lavoro di Gasparini e Razeto è la ricostruzione quotidiana di un anno ad alta intensità. Trecentosessantacinque giorni raccontati ai lettori tramite documenti ufficiali, lettere, diari privati – come quelli di Ciano, Bottai, Rachele Mussolini e De Bono – archivi e giornali dell’epoca e materiale storico di Esercito, Aeronautica e Marina Militare. Una fedele trascrizione di ogni singola giornata, un diario scritto con le voci dei protagonisti che riserva non poche sorprese su ciò che accadde in quell’anno.

ANCHE TU REDATTORE - Invia una notizia
PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3Lmdvb2dsZS5jb20vbWFwcy9lbWJlZD9wYj0hMW0xMCExbTghMW0zITFkMjExMDYzLjEyMTg5NTQ3Mjk4ITJkMTIuMjE0NzQ5MDIwODUzODI4ITNkNDIuMDY2NDMwOTAwNzI1NDEhM20yITFpMTAyNCEyaTc2OCE0ZjEzLjEhNWUwITNtMiExc2l0ITJzaXQhNHYxNDUwNzEwNDE5MzQ4IiB3aWR0aD0iMTAwJSIgaGVpZ2h0PSIxMDAlIiBmcmFtZWJvcmRlcj0iMCIgc3R5bGU9ImJvcmRlcjowIiBhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW4+PC9pZnJhbWU+
Grazie per la segnalazione. Verrai al più presto contattato dalla redazione